Chi è online

 89 visitatori online
La festa liturgica PDF Stampa E-mail
A Biancavilla fu l’allora Prevosto-Parroco della Collegiata “S. Maria dell’Elemosina”, Mons. Giosuè Calaciura d’intesa con il Parroco dell’omonima Collegiata di Catania, Mons. Lucio Rapicavoli a fare la richiesta all’Arcivescovo Mons. Domenico Picchinenna di poter ottenere una festa riconosciuta dalla Santa Sede in onore alla Gran Madre di Dio. In quel periodo nella diocesi di Catania, il 14 marzo 1981 venne accolto il vescovo ausiliare Mons. Pio Vigo, che affiancò Mons. Picchinenna fino al 1985 quando fu nominato vescovo di Nicosia lasciando in seguito Catania. Mons. Domenico Picchinenna fu Arcivescovo di Catania iniziando la sua attività pastorale dal 1974 fino al 1988, sempre sollecito nel governo della diocesi e la sua presenza fu strettamente unito all’Episcopato siciliano e al papa Giovanni Paolo II. Fu pastore umile e uomo di preghiera; tra le sue attività, il 6 novembre 1981 emanò il decreto d’introduzione della causa di Beatificazione, aprendo il processo Cognizionale della Serva di Dio, la Venerabile orsolina Lucia Mangano, e portò avanti il processo di beatificazione del Card. Giuseppe Benedetto Dusmet, il quale venne inseguito beatificato il 25 settembre del 1988 da papa Giovanni Paolo II all’inizio dell’attività pastorale del suo successore Mons. Luigi Bommarito. Il fatto di cronaca più drammatico nel 1981 a Biancavilla accadde il 31 ottobre quando venne accoltellato al collo e ferito al pollice sinistro, il prevosto della Collegiata don Giosuè Calaciura da uno squilibrato, che miracolosamente non riuscì a ledere la carotide del sacerdote. Per il canonico Calaciura non si trattava tuttavia della prima volta in fatto di aggressioni: nel 1965 fu infatti vittima di alcuni spari di pistola, nella zona vigne. Ma torniamo alla festa liturgica della Madonna dell’Elemosina, durante i festeggiamenti patronali d’inizio ottobre oltre alle processioni in onore a San Placido, giunsero in città un gruppo di cittadini provenienti da Piana degli Albanesi. Furono ricevuti al palazzo Comunale, dall’allora primo cittadino, Pasquale Messina, insieme alle autorità civili e al clero locale. Dal 1981 ai nostri giorni la festa liturgica del 10 ottobre dedicata a S. Maria dell’Elemosina, è l’ennesima preghiera che il popolo biancavillese ogni giorno al termine delle celebrazioni Eucaristiche in Basilica, rivolge a “Dio Padre d’immenso amore, il tuo Unico Figlio morente sulla Croce, ha voluto che fosse Madre nostra la tua stessa Madre, fa che sostenuti dalla Vergine Maria perseveriamo nell’unità della fede e nell’integrità della vita".
 
 
 
 
 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Cliccando su agree o scorrendo questa pagina e/o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information