Chi è online

 117 visitatori online
Altare di S.Biagio PDF Stampa E-mail

Altare marmoreo dedicato a

San Biagio vescovo e martire

Il simulacro ligneo del vescovo martire Biagio, morto a Sebaste (Armenia), ca. 316 secondo la tradizione al tempo della persecuzione locale dovuta ai contrasti tra l'occidentale Costantino e l'orientale Licinio. Avendo guarito miracolosamente un fanciullo cui si era conficcata una lisca in gola, (da notare anche nel simulacro in questione) è invocato come protettore per i mali di quella parte del corpo. In seguito a questo fatto ogni anno avviene il rito della "benedizione della gola", compiuto con due candele incrociate e la benedizione e distribuzione di piccoli pani a forma circolare (i cuddureddi). L’opera, incastonata in una nicchia riporta una epigrafe latina posta dietro il simulacro ligneo a perenne memoria.

 

 

 

Deo optimo maximo. Usque ab anno1764 primum magister Blasius Viaggio quotannis [m]ihi fest[us s]olemnizababat. Postea eius filius Archanglus. De hinc huius [f]ilius canonicus et decanus Blasius. Tandem nepos pater frater Benedictus Viaggio aere suo meum deuravit (sic) simulacrum et aediculam hanc aedificavit anno 1877.

Traduzione:

A partire dall'anno 1764 dapprima il «magister» Biagio Viaggio celebrava ogni anno la mia festività. Poi suo figlio Arcangelo. Quindi il figlio di questi, il canonico e decano Biagio. Infine il nipote padre frate Benedetto Viaggio a sue spese rese onore alla mia effigie ed edificò questa edicola nell'anno 1877.

Festa liturgica: 3 febbraio

 

Calendario attività

Non ci sono eventi al momento.

 

 

NOTA! Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Cliccando su agree o scorrendo questa pagina e/o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information